Università Cattolica del Sacro Cuore

Destinatari e profilo professionale

Il Master è rivolto a laureandi e laureati, presso Università italiane o all’estero, in possesso di laurea triennale o magistrale, di ogni facoltà in accordo all’orientamento multidisciplinare degli interventi di cooperazione e sviluppo nei quali sono presenti professionisti di diverse provenienze accademiche e lavorative.

Al termine dell’intero percorso formativo verrà riconosciuto il titolo di Master Universitario di primo livello in “Relazione d’aiuto in contesti di sviluppo e cooperazione nazionale ed internazionale”.


*Rilevazione 2016/2017


*Rilevazione a/a 2015/2016 e 2016/2017


Profilo professionale

Gli sbocchi professionali aperti dal Master sono molteplici nell’ambito delle organizzazioni del terzo settore e del profit che operano a livello umanitario e socio-assistenziale, dove è richiesta una figura professionale capace di flessibilità e in grado di analizzare scenari complessi disponendo, attraverso un lavoro d’équipe, interventi psico-socio-pedagogici utili a contrastare le condizioni di esclusione che colpiscono le comunità a causa della povertà, mancanza d’istruzione, immigrazione, ecc.

Il lavoro, da svolgersi in contesti nazionali o internazionali, prevede interventi di solidarietà e aiuto alla persona, all’insegna di una cultura che riesca a coniugare efficienza e altruismo, prodotti e relazionalità in una logica d’intervento legata allo sviluppo più che all’emergenza.

Ricontattati, i corsisti diplomati nel corso delle edizioni precedenti si sono collocati in diversi ambiti sociali anche se aumentano progressivamente quanti si inseriscono in realtà aziendali attente alla CRS.

La molteplicità degli approcci e degli strumenti necessari, insieme ad un quadro generale sulle tematiche dei diritti umani, sulle convenzioni internazionali e sul ruolo della cooperazione, contribuiscono alla definizione di un profilo professionale spendibile in diversi ambiti. Gli operatori così specializzati possono impiegarsi nel terzo settore ma anche in aziende profit interessante a sviluppare la CSR (responsabilità sociale d’impresa) e le opportunità di collaborazione con il no-profit in accordo alla nuova legge sulla cooperazione. L’attitudine del Master a promuovere le personali competenze trasversali quali flessibilità, attenzione alle risorse, lavoro d’equipe e abilità di problem solving in termini di sviluppo favorisce la capacità di analisi sugli scenari mutevoli e la tenace promozione di una relazione di aiuto orientata alla collaborazione reciproca e alla resilienza.